MENU

25 Maggio 2020 Commenti disabilitati su Regalo di Natale Visualizzazioni: 3362 Stagione Teatrale, Stagione Teatrale e Concertistica

Regalo di Natale

Teatro Politeama

Gentili abbonati, gentili spettatori,

purtroppo l’emergenza Covid-19 non è ancora conclusa e la sospensione su tutto il territorio nazionale di manifestazioni, eventi e spettacoli, inclusi quelli cinematografici e teatrali, è prorogata fino a nuova comunicazione. Speriamo che l’emergenza possa rientrare al più presto, ma, non abbiamo ancora indicazioni su come e quando potremo di nuovo aprire, tornare nelle sale e a teatro.

Per questo motivo il recupero dello spettacolo “Regalo di Natale”, è rinviato alla prossima stagione in data da definire. 

Vi invitiamo dunque a conservare il biglietto o l’abbonamento perché “Regalo di Natale sarà incluso nel nuovo cartellone 2020/2021.

I biglietti rimarranno validi e sarà così possibile partecipare nella nuova data che verrà comunicata appena possibile.

Il teatro, che da sempre è simbolo di socialità, scambio, cultura, centro della comunità, vi aspetta. Non vediamo l’ora di poter festeggiare insieme l’uscita dalla pandemia.

Un saluto cordiale,

Fondazione Elsa”

 

 

 

di Pupi Avati, adattamento teatrale di Sergio Pierattini

con Gigio Alberti, Giovanni Esposito, Valerio Santoro, Gennaro Di Biase, Fulvio Pepe

regia Marcello Cotugno

La Pirandelliana

Quattro amici di vecchia data, Lele, Ugo, Stefano e Franco, si ritrovano la notte di Natale per giocare una partita di poker. Con loro vi è anche il misterioso avvocato Santelia, un ricco industriale contattato da Ugo per partecipare alla partita. Franco è proprietario di un importante cinema di Milano ed è il più ricco dei quattro, l’unico ad avere le risorse economiche per poter battere l’avvocato, il quale tra l’altro è noto nel giro per le sue ingenti perdite. Tra Franco e Ugo però, i rapporti sono tesi; la loro amicizia, infatti, è compromessa da anni, al punto tale che Franco, indispettito dalla presenza dell’ormai ex amico, quasi decide di tornarsene a casa.
La sola prospettiva di vincere la somma necessaria alla ristrutturazione del cinema lo fa desistere dall’idea. La partita si rivela ben presto tutt’altro che amichevole. Sul piatto, oltre a un bel po’ di soldi, c’è il bilancio della vita di ognuno: i fallimenti, le sconfitte, i tradimenti, le menzogne, gli inganni. È uno tra i più bei film di Avati, lucido, amaro, avvincente.

Note di regia
Cinque attori di grande livello, Gigio Alberti, Giovanni Esposito, Valerio Santoro, Gennaro Di Biase e Fulvio Pepe, si calano in una partita che probabilmente lascerà i loro personaggi tutti sconfitti, a dimostrazione di come alcuni valori fondamentali delle relazioni umane - amicizia, lealtà e consapevolezza di sé - stiano dolorosamente tramontando dal nostro orizzonte.

Comments are closed.