MENU

16 Marzo 2022 Commenti disabilitati su I Concerti dell’ORT – McAdams-De Maria Visualizzazioni: 2216 Stagione Concertistica, Stagione Teatrale e Concertistica

I Concerti dell’ORT – McAdams-De Maria

Teatro Politeama

mercoledì 16 marzo

RYAN McADAMS direttore
PIETRO DE MARIA pianoforte
Jessie Montgomery / Strum (2012)
Camille Saint-Saëns / Concerto n.2 per pianoforte e orchestra op.22
Felix Mendelssohn-Bartholdy / Sinfonia n.3 op.56 Scozzese

La Sinfonia Scozzese di Felix Mendelssohn è un’evocazione in note di una terra che il compositore tedesco frequentò spesso e amò molto. Nella Scozia scorgeva la quintessenza del paesaggio romantico: il clima instabile, brumoso, le tempeste, il mare in burrasca, il fascino arcano delle voci delle cornamuse. La scintilla che fece nascere la partitura fu la visita compiuta nel 1829 alle rovine della cappella in cui era stata incoronata Maria Stuarda, la cui tragica vicenda biografica – rievocata al pubblico ottocentesco dal dramma di Schiller – aveva già acceso la fantasia di Mendelssohn. La gestazione ultradecennale della composizione (dedicata alla regina Vittoria) portò a una riflessione profonda sulla struttura generale della sinfonia, che conserva i quattro movimenti tradizionali ereditati dal classicismo, ma, novità, per raggiungere unitarietà li collega l’uno all’altro, senza soluzione di continuità, imponendo al direttore, una volta alzata la bacchetta, di non abbassarla fino all’ultima nota. Sul podio sale Ryan McAdams, maestro americano che dimostra una spiccata inclinazione della musica del presente. Qui potrà dimostrarla affrontando Strum della sua connazionale Jessie Montgomery, violista e didatta che ha ideato questa pagina per suonarla lei stessa con i gruppi da camera di cui fa parte, uno dei quali, gli Sphinx Viruosi sostengono la crescita culturale e professionale di giovani strumentisti afroamericani e latinos. McAdams, protégé a inizio carriera di James Levine e Lorin Maazel, oggi è un direttore dall’attività internazionale consolidata, il cui incarico principale è quello di guida del Crash Ensemble, complesso irlandese specializzato nella contemporaneità. In programma anche il Concerto n.2 di Saint-Saëns, lavoro squisito che porta di nuovo a collaborare con l’ORT Pietro De Maria, pianista dalla tecnica preziosa, pratese d’adozione, uno degli ultimi allievi della scuola di Maria Tipo.

In programmazione a:

Comments are closed.